Archive for Uncategorized

Aumento del seno naturale e senza protesi al silicone: e’ realta’!

Aumento del seno naturale e senza protesi al siliconeO almeno sembra la nuova frontiera per la chirurgia estetica al seno: liberarsi del freddo silicone grazie a una nuova tecnica naturale e rivoluzionaria ideata dal chirurgo inglese Laurence Kirwan.
Il suo metodo – chiamato push-up – consiste nello spostare la “materia” gia’ esistente per produrre l’effetto migliore: “Quello che facciamo e’ spostare i tessuti nella parte inferiore del seno riempendolo, in modo che la pelle diventi piu’ tesa e “spinga verso l’alto anche il resto della mammella, rendendola anche piu’ “piena”.
Questo ritocco senza silicone è gia’ stato sperimentato su 150 donne, dura circa 3,5 ore, costa tra le £8,000 e le £12,000 sterline a seconda della clinica scelta e promette di durare all’infinito visto che evita gli inconvenienti tipici delle protesi artificiali quali ad esempio il rigetto o spostamento/indurimento della protesi.
Da: telegraph.co.uk/health

Non solo bisturi: piu’ belle con il fotoritocco di Photoshop

Madonna dopo il fotoritocco digitale per la pubblicita' di Luis Vuitton

Madonna dopo il fotoritocco digitale per la pubblicita' di Luis Vuitton

Quale crisi? Boom di ritocchini estetici per Capodanno!

Si potra’ risparmiare sui regali, sui potra’ comprare qualche vestito o qualche scarpa in meno, ma al ritocchino dal chirurgo esttico non si rinuncia, nemmeno in tempi di crisi.
A fronte di una contrazione nei consumi in gran parte dei settori merceologici o dei servizi, sono addirittura cresciute le richieste al chirurgo estetico, principalmente per filler e gel riempitivi.
Il filler, ormai re del ritocchino light, e’ stato il vero protagonista del Natale 2009 con migliaia di piccole iniezioni, per se’ stessi o come regalo per una persona cara un po’ vanitosa, ed e’ facile prevedere che sara’ anche ritocchino perferito per il Capodanno.
Auguri!!!

Buone Feste

Buone Feste

Happy Halloween!

Happy Halloween from Nicole & Botox

Happy Halloween from Nicole & Botox

Interventi estetici: al sud costano meno

Prezzi piu bassi al sud per la chirurgia estetica

Prezzi piu' bassi al sud per la chirurgia estetica


Dopo le recenti dichiarazioni dell’esponente leghista Calderoli, e’ stato notato che la differenza di prezzi tra Nord Italia e Sud Italia riguarda anche la chirurgia plastica. Sottoporsi a un intervento in Sicilia puo’ costare fino al 30% in meno rispetto al medesimo “ritocchino” in Lombardia. Dato confermato anche da un recente studio condotti dalla Banca d’Italia dove sulle spese mediche si rileva una differenza tra il 29 ed il 36 per cento. La differenza di prezzo – come per la pizza – non comporta anche differenza di pratica o tagli sulla qualita’, basta solo fare attenzione al curriculum professionale del chirurgo.

Sollevamento del sopracciglio

Sarah Jessica Parker: The Surgeon & the City?

Chirurgia estetica o no per la star della serie TV Sex & the City Sarah Jessica Parker? Giudicate voi…

Sarah Jessica Parker, star della serie TV Sex & the City

Sarah Jessica Parker, star della serie TV Sex & the City

Settembre: l’ora dei ritocchi di fine estate

(AGI) – Roma, 9 set. – Zampe di gallina, ‘codice a barre’, deviazione del setto nasale con inevitabili (e spiacevoli) conseguenze estetiche: e’ il viso la parte del corpo ‘piu’ ritoccata’ dopo il ritorno dalle vacanze estive. Le fastidiose rughe e pieghe intorno a occhi e labbra (denominate dagli addetti ai lavori rispettivamente ‘zampe di gallina’ e ‘codice a barre’) sono infatti, insieme a un naso poco armonico, gli inestetismi per cui e’ piu’ richiesta la mano del chirurgo plastico: i primi soprattutto per porre rimedio all’impatto negativo di un’eccessiva esposizione ai raggi solari, l’altro per anticipare l’arrivo della stagione fredda e correlati malanni, tormento di chi ha il setto nasale deviato. “La chirurgia del rientro e’ soprattutto chirurgia del viso”, ha spiegato Roberto Bracaglia, docente di Chirurgia plastica ed estetica al Policlinico Gemelli-Universita’ Cattolica del Sacro Cuore, a Roma, “settembre e ottobre sono i mesi delle richieste che riguardano naso, occhi, labbra e zigomi: tutti interventi sospesi a partire da fine aprile per l’arrivo del sole piu’ caldo”.

La fidanzata di Clooney si rifa’ il seno, lui la lascia

Il loro amore sembrava un po’ la trama di un film strappalacrime: Sarah Larson, 29enne cameriera del Wiskey Bar di Las Vegas, Clooney affascinante, ricco, famoso e di successo. Insieme sono stati inseparabili per tre anni, di cui uno di fidanzamento. Il lieto fine, pero’, e’ mancato.
La rivista InTouch-Weekly ha rivelato le differenze che hanno portato alla separazione; a quanto sembra l’eta’ non c’entra, neppure il livello di estrazione sociale e l’esperienza di vita troppo diverso. Il bel George, 47 anni, ha sbattuto la porta di casa perche’ lei si sarebbe rifatta il seno contro il suo volere.
Da: Corriere.it

Studente in coma dopo la rinoplastica

Pavia – Le complicanze seguite ad un ordinario intervento di chirurgia plastica hanno avuto gravi conseguenze per uno studente di 19 anni di Vigevano (Pavia). Dopo essere stato sottoposto in un centro specialistico all’operazione di rinoplastica, che gli avrebbe dovuto correggere un difetto al naso, il ragazzo ha avuto un arresto cardiaco. Ora e’ ricoverato in coma al reparto di Rianimazione del policlinico San Matteo di Pavia e le sue condizioni sono molto gravi. Sul caso sono stati avviati accertamenti per stabilire le cause dell’improvviso malore. I carabinieri hanno effettuato un sopralluogo al centro medico di Travacè, per acquisire la cartella clinica dello studente.

Turisti della chirurgia plastica

L’ISAPS – International Society of Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS), societa’ cui fanno capo circa 1.500 dei piu’ autorevoli chirurghi estetici professionisti attivi in 73 paesi – ha indicato le principali linee guida destinate ai turisti della chirurgia plastica:

1. Quali competenze deve avere un chirurgo? Per un intervento di aumento del seno o un lifting facciale un ginecologo o un dermatologo rispettivamente non sono adatti.
2. Il chirurgo plastico possiede le necessarie certificazioni? Nel sito Internet dell’ISAPS e’ disponibile l’elenco dei nomi e indirizzi di circa 1.500 chirurghi plastici certificati attivi in 73 paesi.
3. Il centro o la clinica chirurgici sono certificati? Richiedere informazioni sulla certificazione e sull’ente responsabile del suo rilascio.
4. La propria assicurazione sulla salute e’ valida anche all’estero?
Molte societa’ assicuratrici non coprono i titolari in caso di interventi chirurgici eseguiti all’estero. Prendere in esame l’eventualita’ di richiedere una copertura integrativa.
5. Di quali informazioni si e’ in possesso in merito all’assistenza postoperatoria? I pazienti devono rimanere nei pressi del luogo in cui e’ stato effettuato l’intervento chirurgico per almeno una settimana, in funzione della procedura seguita. Reperire in anticipo informazioni sul luogo di degenza e sulla funzionalita’ delle strutture messe a disposizione per il periodo postoperatorio.
6. Di quali informazioni si e’ in possesso in merito alle complicazioni? Quale dottore si occupera’ del paziente in caso dell’insorgere di complicazioni e chi e’ responsabile del pagamento di eventuali altri interventi o controlli?
7. Il personale presente nel reparto chirurgico parla fluentemente la lingua del paziente? Se non e’ possibile farsi comprendere in maniera esaustiva, meglio essere pronti a affrontare problemi.
8. Con quale persona si e’ in contatto? E’ necessario parlare direttamente con il medico e con il suo staff. L’agente di viaggio e’ tenuto a occuparsi esclusivamente dell’organizzazione del viaggio e della sistemazione.
9. Il chirurgo e’ membro di societa’ riconosciute a livello nazionale e internazionale? L’associazione all’ISAPS e’ effettuata su richiesta e viene concessa solo dopo adeguato controllo.
10. Sono disponibili referenze? Richiedere nomi e informazioni sui pazienti sottoposti di recente a interventi simili, e contattarli per chiedere loro informazioni sulla loro esperienza con il chirurgo, lo staff, le strutture adibite per l’assistenza postoperatoria e il follow-up postoperatorio.

Abbandonata dopo mastoplastica additiva

Sfortunato intervento estetico per una donna di 45 anni di origini francesi ma residente a Sassuolo (Modena); era stata portata la scorsa notte al pronto soccorso dell’Ospedale di Lodi. La donna era in gravi condizioni e visitandola i sanitari si sono subito accorti che era da poco stata sottoposta a un intervento estetico al seno. Il personale del pronto soccorso ha segnalato il caso alla Questura di Lodi che ha ricostruito accaduto. La donna poche ore prima era stata sottoposta a un intervento di mastoplastica da un chirurgo plastico di Verona in una clinica di Riccione. Poco dopo l’operazione le condizioni della paziente erano peggiorate, con forti dolori e un principio di emorragia. Assistita da un anestesista e da una dottoressa, la donna era stata accompagnata in un ambulatorio di Modena, per l’inserimento di cannule per il drenaggio. Ma le sue condizioni non miglioravano. L’anestesista e la dottoressa hanno così fatto un breve giro di telefonate per chiedere cosa fare e qualcuno ha consigliato loro un primario dell’ospedale di Lodi.
(AGE – www.agenews.it)

Chirurgia estetica genitale: il "restyling" di vulva e vagina

Secondo un recente articolo del L.A. Times – ripreso dal Corriere.it, la nuova frontiera della chirurgia estetica e’ quella del “restyling” dei genitali femminili.
L’intervento e’ sempre piu’ richiesto e il risultato ricercato e’ quello della riduzione delle piccole o delle grandi labbra, ma anche il rimodellamento del clitoride o del pube, il tutto prendendo ad esempio le fattezze delle piu’ note pornostar USA, quali – ad esempio – la bionda Jenna Jameson o la cosiddetta Houston.
La maggior parte dei chirurghi plastici e dei ginecologi rimane fortemente scettica verso questo tipo di interventi ma la richiesta c’e’ e va soddisfatta; la maggior parte degli addetti ai lavori rimane comunque dell’idea che labioplastica e affini siano un moda che comporta tutti i rischi di un intervento chirurgico senza dare – in fondo – reali e concreti benefici, ovvero si gioca sul creare nuove insicurezze femminili al fine di ottenere meri benefici economici.
Fino ad ora gli interventi piu’ richiesti erano quelli rivolti a fini piu’ “pratici”, come la ricostruzione dell’imene o la riduzione della vagina per restringerla e migliorare la qualita’ del rapporto sessuale, ora si e’ arrivati a una chirurgia a fini quasi esclusivamente estetici, come la suddetta labioplastica.

Farrah Fawcett: povero angelo

Farrah Fawcett Majors
Farrah Fawcett (02.02.1947), stupenda Charlie’s Angel negli anni ’70 e attualmente, dopo qualche intervento veramente poco fortunato :(

Inchiesta di Time sul boom di chirurgia estetica in Europa

Secondo il il settimanale Time la nuova beauty-mania e’ un fenomeno in crescita vertiginosa che attraversa ogni categoria sociale e che si declina sempre di piu’ al maschile La ricerca della bellezza ha ormai cambiato completamente i suoi connotati rispetto anche solo a pochi anni fa.
Lungi dall’essere visto,e intepretato, come un lusso o una stravaganza riservata a precise categorie sociali (i ricchi) o professionali (gli attori, le modelle), il miglioramento del proprio corpo, con l’aiuto del bisturi o anche di sistemi meno traumatici (filler, botulino, ecc.), e’ oggi vissuto come una specie di “diritto” da un cresente numero di europei “comuni”, disposti spesso anche a indebitarsi pur di aver accesso alle migliorie necessarie a stare “al passo coi tempi”. Tempi che scandiscono sia l’invecchiamento della popolazione (uno dei possibili motivi dell’aumentata rischiesta di interventi) ma anche i nuovi valori, soprattutto attraverso i media.
Segue su Corriere.it